La paura di ritorsioni del datore di lavoro porta i marittimi immigrati a rimandare, evitare le cure mediche: studio

Houston – I marittimi filippini spesso ritardano o evitano completamente le cure mediche – nonostante i loro diritti ai sensi del diritto marittimo – per paura di ritorsioni da parte dei datori di lavoro, inclusa la potenziale perdita del lavoro, mostrano i risultati di un recente studio.

Da dicembre 2016 a ottobre 2017, la ricercatrice Shannon Guillot-Wright dell’Università del Texas Medical Branch di Galveston ha raccolto dati durante interviste e da osservazioni, note sul campo e fotovoce , una metodologia di ricerca visiva in cui i partecipanti scattano foto che illustrano la loro vita, con un Un equipaggio di 14 uomini di marittimi migranti filippini di lingua inglese mentre la loro nave attraccava settimanalmente nel porto di Houston. Sono stati intervistati anche un cappellano che ha visitato regolarmente la nave e un ex avvocato che ha lavorato con gruppi di marinai per i diritti umani.

A causa del fitto programma settimanale della nave che includeva la copertura di circa 1.700 miglia di andata e ritorno tra Houston e il Guatemala, i marittimi hanno affermato che spesso non hanno segnalato lesioni o malattie, con alcuni che hanno ricucito le proprie ferite senza anestesia. Guillot-Wright cita ricerche precedenti che mostrano che la percentuale di navi che trascorrono meno di 24 ore nel loro porto prima di partire è balzata a 70 nel 1998 da 11 nel 1970.

I risultati di queste condizioni di lavoro impegnative sono disparità di salute fisica e mentale, inclusa una maggiore probabilità di malattie cardiovascolari, annegamento, disastri navali, suicidi e violenza sul posto di lavoro.

I marittimi spesso firmano contratti di nove mesi che prevedono poche pause ma includono l’accesso garantito a operatori sanitari o strutture. Tuttavia, i marittimi temono che rivolgersi a un medico per un infortunio o una malattia li farà sentire malati e porterà alla perdita del posto di lavoro.

“In questo modo le compagnie penalizzano i marittimi che accedono alle tutele loro garantite pur avendo diritti contrattuali”, scrive Guillot-Wright.

Il risultato della perdita del lavoro, secondo i marittimi, potrebbe includere il dover tornare nelle Filippine o trovare lavoro in industrie meno pagate per sostenere le proprie famiglie.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Humanities and Social Sciences Communications .

https://www.safetyandhealthmagazine.com/articles/22344-fear-of-employer-retaliation-leads-immigrant-seafarers-to-delay-avoid-medical-care-study


La paura di ritorsioni del datore di lavoro porta i marittimi immigrati a rimandare, evitare le cure mediche: studio

Le foto e gli articoli presenti su “Torre d’amare” sono stati in parte presi da internet, e quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, indirizzo email [email protected] , che provvederà prontamente alla rimozione.

I nostri contatti. Tel Ufficio dalle 09.00 alle 17.00 +393770803697, Redazione [email protected], whats app 3496804446 sempre attivo.


TORRE D’AMARE IL SITO DEI MARITTIMI…………PER INSERIMENTI LOGHI SOCIETA’ COMUNICATI INVIARE EMAIL [email protected]….TELEFONO UFFICIO DAL LUNEDI AL VENERDI CELLULARE 3770803697…..SIAMO PRESENTI ANCHE COME WHATS APP 3496804446 SEMPRE ATTIVO…….SARETE RICHIAMATI NELLE PROSSIME 24 ORE DAL MESSAGGIO RICEVUTO……HAI DEI DUBBI SULLA DATA DELLA TUA PENSIONE?? QUALCHE NOTIZIA NON TI E’ CHIARA???? VAI SULLA VOCE PENSIONE, UN NOSTRO ESPERTO TI RISPONDE……