Registro Internazionale Italiano: l’Agenzia delle Entrate a gamba tesi contro gli armatori

Proprio mentre le due associazioni di categoria Confitarma e Assarmatori si affrontano sull’estensione alle altre bandiere comunitarie dei benefici previsti dal Registro Internazionale Italiano delle navi voluta da Bruxelles (la contesa è sulla necessaria o meno stabile organizzazione in Italia della società armatoriale), l’Agenzia delle Entrate si è occupata di loro con una risoluzione (la 15/E appena pubblicata) che nega il credito d’imposta previsto dagli sgravi contributivi per i marittimi alle shipping company che non producono reddito in Italia. Si parla di centinaia di migliaia di euro ogni anno per nave e quindi le cifre in ballo sono nell’ordine di diversi milioni di euro.

Più precisamente, secondo quanto spiegato da Carla Bellieni, dottore commercialista presso lo studio Piana Illuzzi Queirolo Trabattoni, …..clicca qui

About torremare 456 Articles
Dare informazioni al mondo marittimo, una informazione che arriva dai maggiori siti web