Moby Group venderà cinque navi come parte del nuovo piano di ristrutturazione proposto

La proposta dell’operatore di traghetti italiano prevede la cessione di beni e un’iniezione di denaro da parte del proprietario Vincenzo Onorato

Di Jonathan Boonzaier   a  Singapore

l proprietario di maggioranza Vincenzo Onorato inietterà 2 milioni di euro in contanti per facilitare i pagamenti dei creditori.Moby Group riprende i colloqui di ristrutturazione sotto la protezione del tribunale

Le navi destinate alla vendita sono il ropax Moby Aki da 36.300 gt (costruito nel 2005), il ropax Moby Wonder da 36.100 gt (costruito nel 2001), il ropax Moby Tommy da 32.300 gt (costruito nel 2002), il roro Pietro Manunta da 22.100 gt ( costruito nel 1991), e il roro Giuseppe Sa da 12.800 gt (costruito nel 1975).

Moby venderà anche immobili a Milano e Olbia.

È stata pianificata una vendita provvisoria della divisione rimorchiatori a 16 navi di Moby al connazionale Rimorchiatori Riuniti Panfido, che si concluderà immediatamente dopo l’approvazione della proposta da parte dei creditori.

Moby ha affermato martedì che il piano “si basa sulla continuità aziendale, sul mantenimento dei posti di lavoro e sulla conservazione delle rotte esistenti”.

La società ha affermato che le vendite della nave avrebbero avuto un impatto minimo sulla sua flotta, che attualmente comprende 15 funi, sei ro-ros e un traghetto ad alta velocità.

La società ha affermato che il piano non ha influenzato i suoi ordini per due traghetti da crociera da 69.500 tonnellate in costruzione presso il cantiere navale di Guangzhou in Cina. La consegna delle due navi da 2.500 passeggeri e pronta per il GNL è prevista per il 2022.Il proprietario di traghetti Moby non ha ancora una soluzione di ristrutturazione poiché termina il blocco con i creditori

Moby ha aggiunto che il piano “è stato ideato considerando i risultati positivi registrati nell’ultimo anno” e l’arrivo delle due nuove costruzioni cinesi.

I problemi finanziari di Moby sono emersi alla fine del 2019 quando ha rivelato di non avere liquidità sufficiente per coprire i pagamenti semestrali delle cedole sulle sue obbligazioni e un pagamento di ammortamento del prestito di 50 milioni di euro che era dovuto a metà febbraio.

La società aveva bruciato 116 milioni di euro delle sue riserve di cassa durante i primi nove mesi del 2019, lasciandola con un saldo di cassa di 56 milioni di euro e una linea di credito revolving di 60 milioni di euro completamente utilizzata.

La società ha attribuito la propria crisi finanziaria a “un attacco di un gruppo di obbligazionisti che ha presentato istanza di fallimento, poi respinta dal Tribunale di Milano, a settembre”.

Un piano di ristrutturazione presentato nel marzo 2020 è stato respinto da obbligazionisti e creditori a causa dei timori su come raccogliere denaro da terzi.

Moby ha affermato martedì che il prerequisito per il recupero era “un rigoroso piano d’azione messo in atto dal management nell’ultimo anno, che prevedeva una serie di misure per contenere i costi, aumentare le quote di mercato e la cessione di alcune attività e quindi creare le condizioni per sottoporre ai creditori un piano solido e sostenibile ”. 

https://www.tradewindsnews.com/cruise-and-ferry/moby-group-to-sell-five-ships-as-part-of-newly-proposed-restructuring-plan/2-1-989983

About torremare 456 Articles
Dare informazioni al mondo marittimo, una informazione che arriva dai maggiori siti web