Gli armatori dei traghetti insorgono: Aponte e Lauro chiedono subito sgravi e ristori previsti

Per il trasporto marittimo passeggeri il 2020 è stato, com’era prevedibile, un annus horribilis e gli armatori ora protestano perché i ristori e gli sgravi contributivi previsti prima dal decreto Agosto e poi dalla Legge di Bilancio ancora non sono arrivati (mancano i decreti attuativi).

Secondo le statistiche di Assoporti, rispetto al 2019 il crollo nel settore crociere è stato del 94,6%, il comparto dei traghetti ha perso il 46,7%, mentre il cabotaggio locale ha avuto un calo persino superiore (-49,2%). Le stime di Assarmatori sono ancora più impietose, oltre alla quasi totale cancellazione del traffico crociere (si è passati dagli oltre 12 milioni di passeggeri del 2019 a poco più di 700 mila), nel corso del 2020 le imprese di navigazione operanti servizi di collegamento con le isole maggiori e nelle cosiddette “autostrade del mare” hanno registrato, su base annua, una perdita di passeggeri e relativo fatturato di oltre il 50%. ….clicca qui

About torremare 456 Articles
Dare informazioni al mondo marittimo, una informazione che arriva dai maggiori siti web