Continuità marittima nel caos, Boeddu: «Incertezza sulle rotte, servono risposte»

Cgil: «Le istituzioni non parlano. Confido in una proroga». Mellino, Confartigianato: «Autotrasporto a rischio»

«Nessuno da Roma ha battuto un colpo, così come neppure il presidente della giunta regionale o l’assessore dei trasporti hanno sentito il dovere di dare ai sardi le dovute informazioni». È l’amara constatazione del segretario regionale Cgil-Filt, Arnaldo Boeddu, all’indomani della notizia sulla scadenza della convenzione per continuità marittima con l’isola, che accusa i vertici regionali di cullarsi sull’alibi dato dal fatto che la materia è di competenza del governo nazionale. Dalla mezzanotte di oggi finisce l’accordo da 72,6 milioni di euro con Moby e Tirrenia, già prorogato dallo scorso dicembre, e che in questi anni (pur con tutte le sue problematiche) ha consentito collegamenti certi e a prezzi competitivi. È l’inizio dell’incertezza, specie per chi trasporta merci e ha stipulato contratti l’idea di non sapere se e quando si potrà viaggiare non lascia dormire sonni tranquilli: a rischio l’intero export isolano.

«A oggi – dice Boeddu – malgrado il grido di allarme che abbiamo lanciato, non vi è alcuna novità. Ancora una volta i lavoratori marittimi, gli imprenditori così come i semplici cittadini sono costretti a navigare nella totale incertezza. Nessuno può prenotare i biglietti (anche se su alcune….clicca qui

About torremare 456 Articles
Dare informazioni al mondo marittimo, una informazione che arriva dai maggiori siti web