Manifestazioni nei porti del Regno Unito mentre crescono le chiamate per le dimissioni del capo di P&O Ferries

People take part in a demonstration against the dismissal of P&O workers organised by the Rail, Maritime and Transport (RMT) union at the Port of Dover, Kent. Picture date: Saturday March 26, 2022. PA Photo. See PA story SEA Ferries . Photo credit should read: Gareth Fuller/PA Wire

Le dimostrazioni si sono svolte a Liverpool, Dover e Hull, con altre promesse nei prossimi giorni, afferma il sindacato RMT

Centinaia di persone hanno marciato per protestare nei porti sabato nella “lotta per la giustizia” dopo che quasi 800 marittimi sono stati licenziati senza preavviso all’inizio di questo mese.

Le dimostrazioni si sono svolte a Liverpool, Dover e Hull, mentre continuavano le richieste di dimissioni di un capo di P&O Ferries .

La folla ha camminato con striscioni e cartelli, cantando “P&O, vergogna a te”.

Il sindacato RMT ha promesso “più proteste, più campagne e più pressioni politiche” nei prossimi giorni.

Le marce sono arrivate quando una nave gestita dalla compagnia di traghetti è rimasta arrestata perché “non idonea alla navigazione”.

La nave European Causeway è stata trattenuta nel porto di Larne, nell’Irlanda del Nord, a causa di “fallimenti nella familiarizzazione dell’equipaggio, nella documentazione della nave e nella formazione dell’equipaggio”, ha affermato l’Agenzia della guardia marittima e costiera (MCA).

Il segretario ai trasporti Grant Shapps ha affermato che non avrebbe compromesso la sicurezza delle navi P&O e ha insistito sul fatto che la società non sarebbe in grado di affrettare la formazione per le persone inesperte.

Con una mossa che ha suscitato una diffusa indignazione, la compagnia ha licenziato centinaia di marittimi all’inizio di questo mese e prevede di sostituirli con personale dell’agenzia con salari più bassi.

Un portavoce della Maritime and Coastguard Agency ha dichiarato: “Possiamo confermare che la European Causeway è stata arrestata a Larne.

“È stato arrestato a causa di errori nella familiarizzazione dell’equipaggio, nella documentazione della nave e nell’addestramento dell’equipaggio.

“La nave rimarrà in detenzione fino a quando tutti questi problemi non saranno risolti da P&O Ferries. Solo allora sarà riesaminato”.

L’MCA ha affermato che non c’erano passeggeri o merci a bordo della nave European Causeway quando è stata arrestata.

La detenzione delle navi si basa sulle preoccupazioni per la loro sicurezza e per impedire loro di prendere il mare.

Un portavoce di P&O Ferries ha dichiarato: “European Causeway è stata sottoposta a un’ispezione da parte dell’MCA di Larne, durante la quale è stata ritenuta non sufficientemente pronta per l’entrata in funzione.

“Rivedremo i risultati, apporteremo le modifiche necessarie e continueremo a lavorare a stretto contatto con l’MCA per rimettere in servizio la nave”.

Il segretario generale dell’Unione RMT Mick Lynch ha dichiarato: “Tutte le proteste di oggi hanno avuto una buona partecipazione con centinaia di persone che si sono presentate a Liverpool, Hull e Dover per sostenere i lavoratori P&O nella loro lotta per la giustizia.

“Ci saranno più proteste, più campagne e più pressioni politiche questa settimana mentre intensifichiamo la lotta e sfruttiamo la rabbia pubblica per il massacro di posti di lavoro sui nostri traghetti”.

Ha detto che le manifestazioni “mostrano che il pubblico è dalla nostra parte per quanto riguarda i licenziamenti di P&O”.

Ha aggiunto: “Il governo deve introdurre una legislazione di emergenza e impedire a P&O di navigare con equipaggi di agenzie poco addestrati e super sfruttati. Vogliamo negoziare il ritorno di tutti gli 800 dipendenti licenziati e assicurarci che le loro condizioni salariali e sindacali siano protette”.

Il Trades Union Congress (TUC) ha twittato un video che mostrava i portuali P&O a Rotterdam che si rifiutavano di caricare merci su un traghetto diretto a Hull “in solidarietà con gli 800 marittimi illegalmente licenziati da P&O”.

Nel frattempo, i lavoratori sindacali irlandesi si sono riuniti al porto di Dublino fuori dal terminal P&O per inviare supporto dall’altra parte del Mare d’Irlanda al personale P&O.

Alla manifestazione, organizzata dal sindacato Siptu, ha partecipato la nuova leader del Partito laburista irlandese Ivana Bacik e l’organizzatore Jim McVeigh ha affermato che la manifestazione aveva lo scopo di “inviare solidarietà”.

Ha aggiunto: “La cosa migliore che potevamo fare era organizzare una manifestazione al porto di Dublino fuori P&O in modo che conoscessero le nostre preoccupazioni”.

https://inews.co.uk/news/rallies-held-at-uk-ports-as-calls-grow-for-po-ferries-boss-to-quit-1541851


TORRE D’AMARE IL SITO DEI MARITTIMI…………PER INSERIMENTI LOGHI SOCIETA’ COMUNICATI INVIARE EMAIL [email protected]….TELEFONO UFFICIO DAL LUNEDI AL VENERDI CELLULARE 3770803697…..SIAMO PRESENTI ANCHE COME WHATS APP 3496804446 SEMPRE ATTIVO…….SARETE RICHIAMATI NELLE PROSSIME 24 ORE DAL MESSAGGIO RICEVUTO……HAI DEI DUBBI SULLA DATA DELLA TUA PENSIONE?? QUALCHE NOTIZIA NON TI E’ CHIARA???? VAI SULLA VOCE PENSIONE, UN NOSTRO ESPERTO TI RISPONDE……