Marittimi: sempre danni collaterali

Nessuno, sono disposto a scommettere, avrebbe suggerito agli equipaggi delle navi dirette ai porti ucraini il mese scorso che avrebbero potuto rischiare la vita o trovarsi in pericolo.

Michael Grey | 11 marzo 2022

Mentre si dirigevano nel Mar Nero, per caricare carichi di esportazione di grano, carbone o fertilizzanti, sarebbe stato tutto normale, i loro padroni forse avvertirono di stare attenti all’attività navale insolitamente alta mentre si avvicinavano alla costa della Crimea. Ancorate in attesa di un ormeggio, con le luci di coperta accese, nessuno si sarebbe aspettato che nessuna di queste navi, battenti bandiere che difficilmente avrebbero attirato l’attenzione, avrebbe potuto essere bersaglio di qualsiasi atto ostile, per non parlare di un attacco missilistico nell’alloggio.

Non ci vuole molto col senno di poi per suggerire che non sono mancati gli avvertimenti sull’invasione russa dell’Ucraina, nonostante le regolari smentite di Mosca. Ma le carte erano state firmate e, nel bene e nel male, più di 80 navi mercantili si diressero verso quella che ora è diventata una “Area delle operazioni bellicose”, i loro proprietari speravano per il meglio e che tutto sarebbe finito.

Gli affari sono affari, ovviamente, ma si sarebbe potuto pensare che ci fossero stati molti avvertimenti sulla probabilità di ostilità. Gli operatori navali non leggono i giornali o non ascoltano ciò che veniva trasmesso? Ora sono più saggi, con una mezza dozzina di navi attaccate, almeno una affondata da una mina, e ora si stanno compiendo sforzi per districarne gli equipaggi. Ci sono stati morti e feriti e poiché la situazione sulla costa del Mar Nero e sul Mar d’Azov diventa sempre più pericolosa, potrebbe benissimo essere che molte di queste navi effettivamente abbandonate andranno perse. Esistono parallelismi storici con quella “flotta fantasma” di navi abbandonate allo scoppio della guerra tra Iran e Iraq, per poi essere saccheggiate e naufragate.

I marittimi hanno sempre rappresentato un danno collaterale in guerra, proprio come lo sono stati durante la pandemia, poiché le navi continuano a commerciare a prescindere. Il povero Terzo Ingegnere ucciso sul bulker Banglar Samriddhi è solo una piccola statistica nella tragedia di questo conflitto, ma era innocente come tutti i non combattenti che stanno morendo a terra. Stava solo facendo il suo lavoro, mantenendo il flusso delle arterie del commercio internazionale, anche se non è una domanda stupida chiedersi cosa stesse facendo la sua nave in un posto così pericoloso.

Troppo spesso le vite dei marittimi sono state viste come secondarie quando si tratta di un affare redditizio da negoziare. Chi ricorda il suddetto conflitto Iran-Iraq, che poi abbiamo chiamato la “guerra delle petroliere”, con queste enormi navi usate come tiro a segno dagli eroici aviatori di entrambe le nazioni belligeranti? C’erano fortune fatte da proprietari disposti a rischiare le loro navi indifese nelle pericolose acque del Golfo, anche se poche delle ricchezze sarebbero arrivate agli equipaggi. Alcuni, si diceva all’epoca, ignoravano del tutto la destinazione della loro nave, fino a quando gli Exocets iniziarono a volare in giro.

Circa 400 marittimi internazionali sono morti in questi attacchi che sono durati per tutto il conflitto tra gli stati del Golfo. Le petroliere continuavano a navigare e il petrolio continuava a fluire, anche se pochi di quelli che facevano rifornimento di auto nel piazzale del garage avrebbero stabilito un collegamento tra il prezzo del carburante e il sangue dei marittimi morti e feriti.

Ora con la Russia pesantemente sanzionata e vista sempre più come uno stato paria, non sarà affatto sorprendente sentire di allettanti opportunità di affari che coinvolgono viaggi nei porti russi o movimenti di merci sanzionate. Gli affari sono affari, anche se l’assistenza della trasparenza tecnica è tale che è più difficile nascondere tali transazioni rispetto al passato.

Ma nel considerare i danni collaterali, vale la pena di pensare al numero considerevole di marittimi ucraini e russi le cui vite saranno state sconvolte da questo orribile conflitto. Con una reputazione di eccellenti ufficiali e sparsi per la flotta internazionale, la loro situazione, arrivata dopo più di due anni di miseria pandemica, è del tutto non invidiabile.   

https://www.seatrade-maritime.com/opinions-analysis/seafarers-always-collateral-damage


Marittimi: sempre danni collaterali

TORRE D’AMARE IL SITO DEI MARITTIMI…………PER INSERIMENTI LOGHI SOCIETA’ COMUNICATI INVIARE EMAIL [email protected]….TELEFONO UFFICIO DAL LUNEDI AL VENERDI CELLULARE 3770803697…..SIAMO PRESENTI ANCHE COME WHATS APP 3496804446 SEMPRE ATTIVO…….SARETE RICHIAMATI NELLE PROSSIME 24 ORE DAL MESSAGGIO RICEVUTO……HAI DEI DUBBI SULLA DATA DELLA TUA PENSIONE?? QUALCHE NOTIZIA NON TI E’ CHIARA???? VAI SULLA VOCE PENSIONE, UN NOSTRO ESPERTO TI RISPONDE……
  

  

Le foto e gli articoli presenti su “Torre d’amare” sono stati in parte presi da internet, e quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, indirizzo email [email protected] , che provvederà prontamente alla rimozione.

I nostri contatti. Tel Ufficio dalle 09.00 alle 17.00 +393770803697, Redazione [email protected], whats app 3496804446 sempre attivo.