L’IMO convoca una sessione straordinaria mentre i marittimi rimangono catturati in Ucraina

Rispondendo agli appelli internazionali all’azione, l’Organizzazione marittima internazionale delle Nazioni Unite ha annunciato che convocherà una sessione straordinaria del Consiglio per affrontare gli impatti sulla navigazione e sulla gente di mare della situazione nel Mar Nero e nel Mar d’Azov. La mossa arriva quando cresce la paura per la sicurezza dei marittimi intrappolati nella regione e in particolare vicino a Odesa, che secondo gli analisti potrebbe essere l’obiettivo di un imminente assalto anfibio e terrestre. 

Questa settimana ha visto affondare la prima nave mercantile durante il conflitto e la prima morte confermata di un marittimo ucciso da un attacco missilistico mentre era di guardia a bordo di una nave ancorata al largo dell’Ucraina. C’è una lunga lista di pericoli da discutere per gli Stati membri dell’IMO. L’Ucraina ha chiuso i suoi porti marittimi intrappolando efficacemente le navi mercantili senza i servizi come rimorchiatori e piloti portuali per partire e mettendo a dura prova la capacità di riapprovvigionamento delle navi. La NATO ha avvertito che le acque intorno all’Ucraina potrebbero essere estratte mentre gli analisti della sicurezza hanno esortato le navi in ​​grado di partire a spostarsi al di fuori della nuova “area bellicosa” nel Mar Nero settentrionale. Altrettanto preoccupanti sono le migliaia di marittimi ucraini e russi che lavorano in mare lontano da casa, così come i marittimi nella zona di combattimento che non potranno lavorare sulle navi.

Dopo che l’assalto russo all’Ucraina è iniziato il 24 febbraio, il segretario generale dell’IMO Kitack Lim si è detto “gravemente preoccupato per gli effetti di ricaduta dell’azione militare in Ucraina sul trasporto marittimo globale”. Poi, mentre la crisi umanitaria continuava a svilupparsi, Lim ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava “Appoggio pienamente e sostengo la richiesta del Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres di cessare immediatamente le ostilità”, ma l’IMO come l’ONU può solo commentare e prendere risoluzioni per il sicurezza dei marittimi.

La sessione dell’IMO si terrà il 10 e 11 marzo in modalità remota. Il consiglio è composto da 40 paesi eletti per rappresentare la comunità marittima globale, ma altre nazioni, inclusa l’Ucraina, potranno presentare dichiarazioni al Consiglio dell’IMO.

La notizia della sessione arriva quando un’analisi di Bloomberg stima che ci siano 140 navi attualmente bloccate nei porti ucraini o nelle vicinanze. L’Associazione degli armatori tedeschi ha stimato un numero simile di circa 100 navi mercantili incapaci di partire dai loro porti nel Mar Nero e nel Mar d’Azov. 

Bloomberg calcola che ciascuna delle grandi navi oceaniche abbia una media di 20 membri dell’equipaggio “il che implica che ben oltre 1.000 marittimi sarebbero bloccati”. Non è chiaro se includessero anche le navi mercantili più piccole, costiere e regionali, come la Helt affondata ieri con un equipaggio di sei persone a bordo. Funzionari estoni hanno riferito che tutto l’equipaggio della nave è stato salvato.

L’Associazione degli armatori tedeschi (VDR), come molte organizzazioni globali, ha condannato l’attacco della Russia all’Ucraina chiedendo alla Russia di proteggere le navi mercantili e la gente di mare. Il presidente della VDR Gaby Bornheim ha dichiarato: “Chiediamo che tutte le navi e i loro equipaggi possano lasciare la zona di conflitto illesa. La Russia deve rispettare la libertà di navigazione. Le navi mercantili non coinvolte non devono essere attaccate”.

Alcuni paesi e compagnie di navigazione sono intervenuti. C’erano state richieste per il Bangladesh di portare i suoi marittimi fuori dalla zona di guerra. Dopo che il terzo ingegnere a bordo della Banglar Samriddhi è stato ucciso nell’attacco missilistico di mercoledì, il Ministero degli Esteri e il Ministero della Navigazione del paese hanno agito. I 28 membri dell’equipaggio e il corpo dell’ingegnere furono rimossi dalla nave, abbandonando la nave e portati in un luogo sicuro. Stavano prendendo accordi per portare i marittimi in Moldova o in un altro paese vicino e trasferirli in Romania per rimpatriarli. 

https://www.maritime-executive.com/article/imo-calls-extraordinary-session-as-seafarers-remain-caught-in-ukraine

L’IMO convoca una sessione straordinaria mentre i marittimi rimangono catturati in Ucraina
TORRE D’AMARE IL SITO DEI MARITTIMI…………PER INSERIMENTI LOGHI SOCIETA’ COMUNICATI INVIARE EMAIL [email protected]….TELEFONO UFFICIO DAL LUNEDI AL VENERDI CELLULARE 3770803697…..SIAMO PRESENTI ANCHE COME WHATS APP 3496804446 SEMPRE ATTIVO…….SARETE RICHIAMATI NELLE PROSSIME 24 ORE DAL MESSAGGIO RICEVUTO……HAI DEI DUBBI SULLA DATA DELLA TUA PENSIONE?? QUALCHE NOTIZIA NON TI E’ CHIARA???? VAI SULLA VOCE PENSIONE, UN NOSTRO ESPERTO TI RISPONDE……
  

  

Le foto e gli articoli presenti su “Torre d’amare” sono stati in parte presi da internet, e quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, indirizzo email [email protected] , che provvederà prontamente alla rimozione.

I nostri contatti. Tel Ufficio dalle 09.00 alle 17.00 +393770803697, Redazione [email protected], whats app 3496804446 sempre attivo.