Carenza di manodopera personale marittimo

A cargo ship off the coast at the Port of Long Beach in Long Beach, California, U.S., on Sunday, Oct. 24, 2021. Americans should buy their holiday gifts early this year, as the container glut plaguing ports and the supply chain will persist through at least year-end, the head of California's Port of Long Beach said.

Di Adam Minter | Bloomberg

Ci sono dozzine di navi ancorate al largo dei porti di Los Angeles e Long Beach questa settimana, che mettono in pericolo le catene di approvvigionamento globali e i regali per le vacanze. Anche in pericolo? La sicurezza e il benessere dei marittimi che lavorano su quelle navi, molti dei quali non toccano terra da più di un anno a causa delle restrizioni dell’era della pandemia e del backup delle navi in ​​lizza per l’ormeggio nei porti intasati. Tra le altre questioni, i marittimi bloccati sulle navi riferiscono di un peggioramento della salute mentale e fisica, con accesso limitato alle cure mediche, crescenti tensioni tra i membri dell’equipaggio e stanchezza che secondo i gruppi di lavoro mette a repentaglio la sicurezza marittima.

Pochi conoscono la loro situazione come Pat Pettit, il direttore generale dell’International Seafarers Center di Long Beach/Los Angeles. Per quattro decenni, ha fornito ai marittimi di tutto, dagli alloggi temporanei alla consegna degli ordini Amazon a bordo nave, ai viaggi in auto fino al negozio di alimentari.

Quello che altri chiamano un problema di filiera è, per lei, una crisi umana. “Questo è molto peggio di tutti gli anni in cui sono stato in giro”, mi ha detto. “Non sappiamo se si riprenderanno”, ha detto dei lavoratori marittimi.

Gli 1,89 milioni di marittimi del mondo gestiscono più di 74.000 navi mercantili, fornendo il trasporto per circa il 90% del commercio globale. È un lavoro essenziale, ma anche solitario e pericoloso che richiede mesi in mare, spesso con scarsa capacità di contattare casa o toccare terra. Il Covid ha peggiorato molti di questi posti di lavoro fluttuanti e i marittimi di tutto il mondo stanno ora ripensando al loro impegno nel commercio. In effetti, per mesi i leader del settore hanno avvertito che la pandemia renderà più difficile per loro assumere lavoratori per gli anni a venire. Di conseguenza, la catena di approvvigionamento globale potrebbe presto affrontare una sfida più debilitante: una carenza cronica di manodopera.

La letteratura e la canzone hanno da tempo documentato le difficoltà che comporta una carriera in mare. Eppure, nonostante la dura reputazione, alla professione marinara non sono mai veramente mancate reclute, in gran parte perché rimangono paesi in cui le scarse prospettive economiche a lungo termine rendono il lavoro appetibile. Ad esempio, nel 2019, ci sono stati quasi 470.000 filippini dispiegati su navi mercantili in tutto il mondo, circa un terzo del totale mondiale.

Il calcolo era semplice. In cambio di mesi lontano da casa, gli equipaggi delle navi mercantili potrebbero guadagnare 10 volte quello che guadagnerebbero in un paese come le Filippine.

Il settore marittimo riceve molto in cambio. Lunghe ore sono la norma, soprattutto per i marittimi provenienti dai paesi dei mercati emergenti. Un recente rapporto del settore ha rilevato che i marittimi cinesi assegnati alle navi portarinfuse, che trasportano grano, carbone e altri carichi non imballati, lavoravano in media 15 ore al giorno, mentre i loro omologhi europei impiegavano “solo” 10 ore.

Non è solo il carico di lavoro che richiede un pedaggio. Negli ultimi anni, diversi studi hanno collegato fattori inerenti al commercio marittimo, tra cui isolamento, mancanza di congedo a terra, nostalgia di casa e luoghi di lavoro abusivi, a problemi di salute mentale. Uno studio del 2019 ha rilevato che il 25% dei marittimi che hanno risposto a un sondaggio sulla salute aveva punteggi che indicavano la depressione, una quota che supera la popolazione generale e quella lavorativa.

Nel 2016, un rapporto del settore ha avvertito che senza maggiori sforzi per reclutare e trattenere i marittimi, l’industria navale potrebbe affrontare una carenza di manodopera entro il 2025. A peggiorare le cose, si prevedeva che la carenza fosse più acuta per gli ufficiali e altra manodopera qualificata come gli ingegneri meccanici che hanno maggiori probabilità di avere opzioni di carriera a terra che non richiedono mesi lontano da casa.

Il Covid ha reso sostanzialmente più difficile il compito di reclutare e trattenere i marittimi. Con la diffusione della pandemia all’inizio del 2020, i porti di tutto il mondo hanno vietato ai marittimi di sbarcare. Una convenzione delle Nazioni Unite richiede che i marittimi servano per un massimo di 11 mesi su una nave prima di una sosta a terra. In pratica, la maggior parte serve da tre a sei mesi. A causa del Covid, centinaia di migliaia di marittimi sono rimasti bloccati sulle loro navi senza alcuna prospettiva di partire, con segnalazioni di alcuni marittimi intrappolati in mare per 17 mesi.

La buona notizia è che le campagne di vaccinazione incentrate sui marittimi hanno alleviato le condizioni negli ultimi mesi. Ma ci sono ancora decine di migliaia di marittimi che lavorano sulle navi mesi oltre i loro contratti, senza possibilità di sbarcare.

Un sondaggio trimestrale alla fine del mese scorso ha rilevato che l’umore generale tra i marittimi è migliorato rispetto ai minimi storici di quest’anno. Ma questo non cancellerà i ricordi degli ultimi due anni. L’indagine ha rilevato che un numero crescente di velisti stava riconsiderando i propri piani di carriera e contemplando una vita a terra. “È probabile che nei prossimi anni ci sarà una crescente carenza di marittimi e sembra che ci sia poco o nessun meccanismo coerente per gestire i problemi che si profilano all’orizzonte”, conclude il rapporto.

Carenza di manodopera personale marittimo
TORRE D’AMARE IL SITO DEI MARITTIMI…………PER INSERIMENTI LOGHI SOCIETA’ COMUNICATI INVIARE EMAIL [email protected]….TELEFONO UFFICIO DAL LUNEDI AL VENERDI CELLULARE 3770803697…..SIAMO PRESENTI ANCHE COME WHATS APP 3496804446 SEMPRE ATTIVO…….SARETE RICHIAMATI NELLE PROSSIME 24 ORE DAL MESSAGGIO RICEVUTO……HAI DEI DUBBI SULLA DATA DELLA TUA PENSIONE?? QUALCHE NOTIZIA NON TI E’ CHIARA???? VAI SULLA VOCE PENSIONE, UN NOSTRO ESPERTO TI RISPONDE……
        

Le foto e gli articoli presenti su “Torre d’amare” sono stati in parte presi da internet, e quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione, indirizzo email [email protected], che provvederà prontamente alla rimozione. I nostri contatti. Tel Ufficio dalle 09.00 alle 17.00 +393770803697, Redazione [email protected], whatsapp 3496804446 sempre attivo.