I suicidi a bordo delle navi stanno aumentando a un ritmo senza precedenti

Giovanni Corrado

Di John Konrad (gCaptain) Alla vigilia della Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio, i suicidi a bordo delle navi stanno aumentando a un ritmo senza precedenti. Stiamo facendo abbastanza per aiutare i marinai in difficoltà mentale in mare?

“I suicidi in mare e la salute mentale in genere sono discussi nella stampa specializzata, ma l’industria e più in particolare i governi non sono responsabili della questione”, afferma Frank Coles , ex CEO di Transas e Wallem Group. “La salute dei marittimi è un ripensamento in questo settore”

Nel luglio dello scorso anno, la Marina degli Stati Uniti ha attirato l’attenzione dei media globali quando il terzo ufficiale civile della nave di rifornimento USNS Amelia Earhart, è salito sul ponte e si è suicidato . Morì immediatamente. La causa ufficiale della morte era una “ferita da arma da fuoco autoinflitta”, ma la vera causa era più complicata. 

Negli ultimi decenni, nessuna organizzazione ha investito di più in PTSD, salute mentale e prevenzione del suicidio rispetto alle forze armate statunitensi, ma nonostante la disponibilità di fisiologi di livello mondiale 24 ore su 24, 7 giorni su 7, hanno commesso un errore che la maggior parte delle organizzazioni nel mondo continua a commettere. Hanno trascurato la salute mentale dei marittimi civili impiegati per mantenere la loro catena logistica critica. 

Sulla scia di questo incidente e di innumerevoli altri nella Marina e nell’esercito degli Stati Uniti, il Department of Veterans Affairs propone di spendere 682 milioni di dollari in più il prossimo anno fiscale per problemi di salute mentale e di aumentare di un terzo i finanziamenti per gli sforzi di prevenzione del suicidio, ma i marinai civili , come il terzo ufficiale di Amelia Earhart, non si qualificano per l’assistenza VA completa perché il Pentagono si rifiuta di classificarli come veterani. 

Allo stesso modo, la maggior parte degli Stati degli Stati Uniti e innumerevoli paesi in tutto il mondo versano denaro in programmi di salute mentale all’interno dei propri confini, ma i marittimi lavorano principalmente al di fuori di tutti i confini. Ciò rende responsabilità delle compagnie di navigazione sostenere l’accesso dei marittimi alle reti di supporto a terra e anche spendere soldi per programmi privati ​​di salute mentale che comprendano gli stress specifici posti ai marittimi.

“Aziende come Shell lo menzionano nelle loro conferenze sulla sicurezza”, afferma Coles. “Ma mentre i rappresentanti del proprietario annuiscono e dichiarano di affrontare questo problema, il potente dollaro guida tutte le decisioni nel settore”.

Se la Marina degli Stati Uniti non può impedire il suicidio dei suoi marittimi civili in mare, cosa possono fare le compagnie di navigazione?

“Le compagnie di navigazione dovrebbero concentrarsi sulle misure preventive per il suicidio”, ha affermato Charles Watkins, amministratore delegato e psicologo clinico presso Mental Health Support Solutions (MHSS). “Possono fare di più creando consapevolezza, parlandone e rompendo il tabù di sollevare preoccupazioni sul suicidio”.

La compagnia, che fornisce supporto professionale per la salute mentale 24 ore su 24, 7 giorni su 7 al settore marittimo, ha visto le chiamate dei marittimi alla sua linea telefonica aumentare del 60% tra aprile e giugno 2021. I problemi sollevati durante le chiamate includevano ansia, bullismo o conflitti dell’equipaggio derivanti da esperienza limitata con culture o nazionalità diverse. 

“Offrire alle persone l’opportunità di parlare dei propri problemi è fondamentale, ma devono essere consapevoli dell’aiuto a loro disposizione”, ha affermato. “Possiamo valutare il benessere di una persona semplicemente dandogli la possibilità di parlare.

“Possiamo anche seguire chiunque a bordo sia affetto da ideazione suicidaria, che si tratti della persona che ha a che fare con problemi di salute mentale o dei marittimi colpiti da un collega che si sente ansioso, depresso o suicida”.

Le statistiche che fanno riflettere dell’Organizzazione Mondiale della Sanità mostrano che più di 700.000 persone nel mondo muoiono per suicidio ogni anno, più comunemente per ingestione di pesticidi, impiccagione o uso di armi da fuoco su se stesse. Per ogni suicidio, ci sono più di 20 tentativi di persone che cercano di togliersi la vita.

Inoltre, secondo Watkins, il suicidio è la quarta principale causa di morte tra i 15 ei 19 anni, qualcosa di cui le compagnie di navigazione con giovani cadetti devono essere consapevoli.

Domani è la Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio e dobbiamo semplicemente fornire maggiore supporto ai marittimi che affrontano un’intensa pressione per continuare a consegnare beni di consumo a livello globale durante la pandemia di Covid-19. 

Oltre a sostenere i marittimi in gravi difficoltà, dobbiamo anche fare di più per educare tutti i marittimi su come fornire supporto ai malati mentali. Questo potrebbe essere aggiunto ai programmi obbligatori dell’IMO come la formazione Medical PIC, ma anche metodi più semplici possono essere affrontati in questo momento. Le grandi aziende possono assumere un direttore della salute mentale per sostenere i programmi internamente e le aziende più piccole possono appaltare ad aziende come MHSS. Tutte le compagnie di navigazione e offshore possono aggiungere la prevenzione del suicidio e la salute mentale ai loro budget e come argomento di preoccupazione durante le riunioni del consiglio.

About torremare 1713 Articles
Dare informazioni al mondo marittimo, una informazione che arriva dai maggiori siti web